Meditazioni di Padre Ernesto Busnelli - Apostole Sacro Cuore

Istituto Secolare
Cristo in Croce
Amore Senza Confini
Apostole Sacro Cuore
Istituto Secolare
Amore Senza Confini
Vai ai contenuti
Meditazioni di Padre Ernesto Busnelli
06 gennaio 2024 | 🕑 4 minuti di lettura
Meditazioni- Esortazioni di Padre Ernesto Busnelli

Iniziamo il nuovo anno con le meditazioni, le esortazioni e le istruzioni di Padre Busnelli;  
si potrebbe obiettare che alcuni temi sono già stati pubblicati in altre occasioni.
“Il ripetere giova” e qual è la figlia alla quale non sia cara ogni parola del proprio Padre?

“Carattere distintivo dell’Istituto è un amore indiscusso alla S. Chiesa…” Carattere distintivo: dunque non comune, ma che si distingue dagli altri. Nell’amore vero per il Papa c’è l’amore perfetto per la S. Chiesa.
 
Gesù solo e tutto per Gesù! Ove è Gesù, là è l’Apostola del Sacro Cuore; l’Eucarestia è Gesù nascosto e l’Apostola crede, spera, ama ed è innamorata dell’Eucarestia.
 
Il Papa è Gesù visibile, perché il vicario in terra di Gesù Cristo: e il dolce Cristo in terra e l'Apostola è tutta per il Papa. Crede nella sua autorità; Gesù disse a Pietro:” A te darò le chiavi del Regno dei cieli”.
 
L’Apostola opera con fermezza per il trionfo del Papa sicura del trionfo perché Gesù disse: “Tu sei Pietro e su questa pietra Io fonderò la mia Chiesa… le porte dell'inferno non prevarranno”.
 
E se il Papa è Gesù visibile in terra, dunque è Gesù invisibile che nel Papa che guida la barca degli eletti: è Gesù che insegna la verità, benefica e salva le anime.” Il Papa me lo ha dato Gesù, mi basta, lo amo come Gesù. Se parla, è Gesù che parla, infallibile, perché Gesù disse: “Ho pregato per te, Pietro, perché la tua fede non venga meno”.
 
Amore obbedienza dedizione completa al Papa.
“Prego per il Papa ogni giorno?
Quando parla mi interesso di ciò che ha detto?
Soffro con il Papa che soffre?
Sono pronta a difenderlo?”
 
L'anima religiosa non invecchia mai anzi deve divenire sempre più giovane! Come è possibile? Invecchiare vuol dire perdere le forze, chi invece aumenta le sue forze, diventa più giovane.

Invecchiare vuol dire diminuire nella vita e nelle attività e chi invece aumenta la sua vita e la sua attività deve dire che diventa più giovane. Ora, il corpo, invecchia si: infatti dopo un certo periodo, diminuiscono le forze, le sue attività, ma il cuore?
 
Come è il cuore della consacrata? No, il cuore non invecchia: anzi deve acquistare maggior vita con gli anni. Bene è detto che il cuore è sempre giovane. Amo di più Dio?

Ecco che il cuore, ossia tutto il mio spirito ringiovanisce.

Amo di più la virtù? Ecco un'attività maggiore, quindi maggiore vita. Sì, nel vero e ardente amore di Dio la nostra vita aumenta e non invecchia! Coraggio, dunque, avanziamo verso una gioventù sempre più giovane verso una gioventù che sarà poi quella della vita eterna.
 
La gloria di Dio
Il Signore ci ha creato, redento, ci ha dato la vocazione di Apostole del Sacro Cuore. Perché tutti questi doni? Forse per accarezzare la nostra vanità? No certo, ma unicamente per la Sua gloria.
 
Il Signore opera sempre per la sua gloria: essendo Dio, non può fare diversamente. Non potendo quindi Dio darci i suoi doni per altro fine che quello di glorificarlo, è necessario che noi lavoriamo unicamente per Lui Solo.

“A Lui la gloria, ora e nel giorno dell’eternità”
                                                                                                                   2 PT.3,18


01 marzo 2024 | 🕑 3 minuti di lettura
marzo e aprile

Vi siano pure differenze tra uomo e uomo sia pure uno più o meno dotto o ignorante, più o meno ricco o povero, tutti devono corrispondere al loro ultimo fine.
 
C'è chi si crede infallibile, necessario al mondo, creato per il dominio e la conquista.
 
Ma come Dio spazza in quel in un momento questa superbia!
 
Se anche noi operassimo per i nostri fini egoistici, commetteremmo un grave errore e costringeremmo Iddio a metterci da parte. Il buon Dio non ha bisogno di noi, ma fa un onore grande dandoci i mezzi per servirlo.
 
Che cosa può aggiungere la luce di una candela a quella del sole?
 
Così, in una proporzione molto più grande, che cosa possiamo noi aggiungere alla grandezza, sapienza infinita di Dio?
 
Possiamo noi Apostole avere altra mira di quello che le Costituzioni indicano, dare gloria a Dio?
 
Noi ci troviamo riguardo a questo in condizioni di privilegio. Chi entra in un Istituto di vita comune dona se stessa, il proprio lavoro, ma riceve molto in cambio: mantenimento, cure, onore di appartenere a un Istituto noto ed apprezzato. Per noi, nulla di tutto questo!
 
Noi siamo portate ad escludere tutti gli elementi che possono accarezzare l'interesse umano e la vanità.
 
Ringraziamo Dio e corrispondiamo a questo dono rendendolo sempre più pura la nostra intenzione.
 
La volontà di Dio
 
Ma come dare gloria a Dio?
 
Facendo in tutto la sua volontà.!
 
La volontà di Dio è onnipotente fa tutto ciò che vuole e nulla si fa se non ciò che Dio vuole. Non cade, dice Gesù, un capello del vostro capo, una foglia da un albero, se non per suo comando.
 
Chi sarà delle cose di maggiore importanza? Dio lo vuole!
 
Grande Parola!!... Quante grandi ragioni contiene per chi ha fede, conosce, e ama Dio!  Dio lo vuole ed io non lo voglio!?
 
La volontà di Dio è infinitamente sapiente ha sempre tutto per il meglio. “Tu hai fatto tutto con somma Sapienza” dice il Profeta.
 
La prima regola della Sapienza è il far sempre ciò che è migliore, eleggere i mezzi più propri per giungere al fine proposto.
 
Crediamo noi che Dio, il quale è somma sapienza sia manchevole in questa regola?
 
Il fine di tutte le Sue opere è la Sua gloria! Può Egli mancare di zelo per procurarla o di cognizione per conoscere i mezzi che vi sono propri o di potenza per impiegarli?
 
Un uomo saggio operando secondo la sua sapienza, nulla può fare che non sia bene: e Dio che è infinitamente saggio, può forse scegliere o fare cosa alcuna che non sia infinitamente buona?
 
Come nulla può concepirsi di migliore e di più perfetto di Dio nella sua essenza, nulla può parimente concepirsi di migliore e di più perfetto di Dio nella sua azione. Egli dispone soavemente di tutte le cose ma fortemente, infallibilmente. Per eseguire i suoi disegni, sa trarre dalle tenebre stesse, la luce e con mezzi che appaiono posti, giungere al suo fine. Rispettiamo, adoriamo i suoi disegni anche se non li comprendiamo che Egli può fare di più di quel che comprendiamo.
Continua...


maggio 2024 | 🕑 4 minuti di lettura
maggio e giugno

La volontà di Dio
  
La volontà di Dio è infinitamente buona, non solo fa tutto il meglio in sé, ma anche rispetto a noi. Può uscire cosa cattiva per noi da una volontà che è la bontà stessa? “La mano del Signore ci guida” (Ps72-24).
 
Ma l’amor suo, il suo Cuore, guida la sua mano; che debbo dunque io temere o piuttosto che non devo sperare?  Posso temere di abbandonarmi in Lui?
 
Dio è nostro Padre, è il migliore di tutti i padri, può dunque Egli essere manchevole nella tenerezza verso di noi?
 
Possono forse uscire da un cuore, da una mano di un Padre colpi che non siano salutari? Se ci percuote non è che per guarirci o per innalzarci. Se sembra farci del male, non è che per farci del bene.  
 
Se ci divide dalle creature, non è che per unirci unicamente a Lui. Se sembra a volte, scordarsi dei nostri temporali interessi, non è che per procurare più sicuramente i nostri interessi eterni.
 
E che cosa sono tutti gli interessi del tempo, in paragone con quelli dell'eternità? Meno che nulla. Così ne giudica Dio: così noi dobbiamo giudicarne. Ma ne giudichiamo noi così?
 
I nostri spaventi per le disgrazie che attraversano la nostra vita, la nostra tranquillità, la nostra salute, dimostrano l'opposto. Domandiamo spesso che si compia in noi la sua divina volontà.
 
“Signore se a te piace, si faccia questo. Signore, se tu vedi che questo è per il mio bene, concedimi di usarne a tua gloria. Ma se tu conosci che ciò mi sarebbe nocivo, togli da me un tale desiderio”. ( Kempis)
 
Dite sempre: “Sia fatta la volontà di Dio” è la santità vera. “Qual è dunque la volontà di Dio per noi?” Risponde San Paolo:
 
“Dio vuole che tutti gli uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità.  (1Timoteo 2,4).
 
La nostra salvezza.
L'unico affare, il più importante, è la salvezza dell'anima.
 
Gli altri, sono permessi solo in quanto ci servono di mezzo perché abbia effetto quello. Se esso non riesce la perdita è la più grande possibile perché equivale a perdere Dio, vero infinito bene.  
 
Poco importa condurre una vita oscura, restare nell'umiliazione purché ci si salvi. Tutto l'universo non potrà turbare la felicità che godremo in Dio. Invece, a che serve guadagnare tutto il mondo se poi si perde l'anima? (Mt 16,26). L'affare della salvezza è l'affare dell'eternità e si effettua solo nel tempo che Dio ci dà su questa terra; perciò, si deve fare tesoro del tempo e sfruttarlo al massimo. Quale rimorso per tanti giorni male impiegati nell'accontentare le nostre passioni!
 
Mio Dio! Quanti bei giorni mal impiegati non vincendo generosamente noi stessi! Noi siamo sopra la terra per la gloria di Dio e per condurre a fine la salvezza della nostra anima.  
 
Potremo essere contenti in punto di morte se potessimo dire: “Signore, abbiamo fatto grandi cose nel mondo; ci siamo distinti nel nostro impiego, abbiamo anche faticato con buon successo all'altrui salute, solo abbiamo trascurato la nostra?
 
Lo crediamo noi che l'affare della nostra salute sia il primo vero lavoro che dobbiamo compiere. Lo crediamo noi più sicura pratica che è la pratica dei santi?...
 
Consideriamo ciò che Dio ha fatto per la nostra salvezza; sembra che la sua felicità abbia da dipendere dalla nostra, tanto è occupato e sollecitato nel voler renderci beati. Quale cura particolare non si è preso per la nostra salvezza? Non contento di averci creati per sé stesso, ha voluto ancora, nella sua bontà, impegnarci ad andare a Lui con vari mezzi: i beni, i mali di questa vita, mezzi generali; mezzi particolari, doni di natura, di grazia.
Continua...

Torna ai contenuti