Pasqua di Resurrezione 2021 - Apostole Sacro Cuore

Istituto Secolare
Cristo in Croce
Amore Senza Confini
Apostole Sacro Cuore
Istituto Secolare
Amore Senza Confini
Vai ai contenuti
Il senso della Pasqua
Una riflessione di Gianfranco Ravasi

…C’è ragione che invita tutti noi a non tacere ed è proprio legata agli imminenti giorni della Settimana Santa, quando davanti a noi camminerà Cristo nelle sue ultime ore terrene. Lo immagino come nel film Andrej Rublëv del grande regista russo Andrej Tarkovskij, mentre avanza incespicando nella neve colorandola col sangue delle sue ferite, trascinando a fatica la croce, seguito dalla folla dei poveri contadini e degli ultimi di quelle terre.

Il Dio cristiano è diverso dalle divinità antiche come Giove, relegate nel loro mondo olimpico dorato, apatici rispetto alle sofferenze umane. È, invece, un Dio che ha scelto di assumere la stessa nostra carta d’identità, fatta, sì, anche di gioia, ma soprattutto di limite, di dolore e di morte
 
Anche lui ha paura e fin orrore della morte, il cui volto severo si presenta davanti a lui e a noi, nonostante l’avessimo prima esorcizzato e ignorato: «Padre, se è possibile, passi da me questo calice» avvelenato. Anche lui sperimenta l’isolamento degli amici, i discepoli, che rimangono lontani, o, come nel caso di tante persone sole malate, lo abbandonano. Anche lui ha la carne ferita dalle torture e prova persino la peggiore delle solitudini, il silenzio del Padre («Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?»).

Alla fine, anche lui, a causa della crocifissione, muore come molti malati di coronavirus, per asfissia, dopo aver emesso un respiro estremo...
Cristo Signore è Risorto!
…È per questo che – sperimentando nella sua carne la nostra umanità misera, fragile e mortale – ha deposto in essa per sempre un seme di eternità e di speranza destinato a sbocciare.
 
Tante altre cose ha insegnato questo virus a chi crede e anche a chi non crede. Ci ha, infatti, svelato la grandezza della scienza ma anche i suoi limiti; ha riscritto la scala dei valori che non ha al suo vertice il denaro o il potere; lo stare in casa insieme, padri e figli, giovani e anziani, ha riproposto fatiche e gioie delle relazioni non solo virtuali; ha semplificato il superfluo e ci ha insegnato l’essenzialità; ci ha costretti a fissare negli occhi dei nostri cari la stessa nostra morte; ci ha resi fratelli e sorelle dei tanti Giobbe, dandoci il diritto persino di protestare con Dio, di alzare le nostre domande e lamenti a lui.
 
Ma soprattutto ha rivelato un valore supremo, l’amore. Molti dei lettori conoscono il romanzo dello scrittore colombiano Gabriel García Márquez, L’amore al tempo del colera (1982), un titolo che potrebbe essere trascritto per il coronavirus. Un titolo che è verità soprattutto nei tanti medici, infermieri, volontari, operatori vari, pronti ad andare oltre la legge dell’«amare il prossimo come se stessi», per seguire quella estrema di Gesù: "Non c’è amore più grande di colui che dà la vita per i suoi amici".
 
Nella Bibbia per 365 volte risuona questo saluto divino: "Non aver paura!".  È quasi il "buongiorno" che Dio ripete a ogni alba specialmente all’alba della Resurrezione.
Contatti
NewsLetter
Compagnia Apostole del Sacro Cuore    Via Arnaboldi 2, 20155 - MILANO (ITALY)  PIva - CF: 84002700155
 Dove siamo   |    Archivio   |    Contatti   |    Newsletter
Dove siamo  |  Archivio  |  Contatti  |  Newsletter
 Dove siamo   |    Archivio   |    Contatti   |    Newsletter
Privacy Policy
Compagnia Apostole del Sacro Cuore
Via Arnaboldi 2, 20155 - MILANO (ITALY)  PIva - CF: 84002700155
Compagnia Apostole del Sacro Cuore  
Via Arnaboldi 2, 20155 - MILANO (ITALY)
PIva - CF: 84002700155
© Apostole Sacro Cuore
© Apostole Sacro Cuore
© Apostole Sacro Cuore
© Apostole Sacro Cuore
© Apostole Sacro Cuore
Torna ai contenuti